21. I villaggi dei Reti

Posizione, conformazione ed estensione degli abitati della Cultura di Fritzens- Sanzeno o retica (t II ) non rispondono a un unico modello, e si può supporre che fra gli insediamenti vi fossero relazioni di tipo complesso – gerarchico – con un ruolo dominante di alcuni centri, come nel caso di Sanzeno in val di Non (s 23). Alcuni villaggi posti su sommità risultano difesi naturalmente, come si verifica sempre per Sanzeno, o muniti anche da cinte difensive – valli – in muratura a secco. È questo il caso, ad esempio, dell’abitato del Doss Castel di Fai della Paganella, sperone roccioso isolato da cui si controlla un ampio tratto della valle dell’Adige, in prossimità dell’imbocco della val di Non e del Ganglegg di Sluderno in val Venosta.

Altri villaggi si trovano apparentemente senza strutture difensive su dossi più accessibili, come i Montesei di Serso presso Pergine Valsugana o Castello Tesino, su pendii, terrazzi, conoidi e solo eccezionalmente in fondovalle. Il riferimento di Orazio (Carm. IV, 14, 7-16) ai terribili Reti sconfitti e all’abbattimento delle rocche poste nelle fosche Alpi «arces alpibus impositas tremendis» sembra pertanto assumere un sapore encomiastico celebrativo in funzione dell’esaltazione della vittoria di Roma su popoli bellicosi che abitavano uno spazio geografico considerato ostile per sua natura. Non si può comunque escludere a priori un richiamo a una situazione particolare, legata forse proprio all’instabilità determinata dalle guerre retiche e dunque all’utilizzo di siti-rifugio difficilmente accessibili o al paesaggio alpino delle vallate più settentrionali dove ricorrono i siti su dosso. Contrariamente a quanto spesso asserito negli studi dell’Ottocento e della prima metà del Novecento, il modello insediativo retico appare più articolato rispetto alla sola esistenza dei cosiddetti «castellieri», intesi come abitati isolati su sommità, muniti dalla natura o artificialmente.

Per quanto riguarda l’assetto degli abitati, la loro configurazione risulta poco complessa dato che si connotano come piccoli agglomerati di edifici di tipo rustico, per lo più a moduli sparsi (come ai Montesei di Serso presso Pergine Valsugana), anche se non mancano esempi di edifici allineati secondo piani preordinati che sembrano rispondere a modelli di tipo protourbano. In questo senso si può citare l’abitato di Sanzeno in val di Non, centro di lavorazione metallurgica, connotato da una sicura vocazione emporica e probabilmente anche caratterizzato da funzioni santuariali. La disposizione regolare, registrata anche nel villaggio fortificato del Doss Castel di Fai della Paganella, dove sono stati portati alla luce edifici paralleli con muri in comune, ricavati entro terrazzi rocciosi, sembra riecheggiare modelli urbanistici affermatisi nel mondo peninsulare. Questo genere di organizzazione lascia pensare all’intervento di personaggi di rango in grado di esercitare il proprio potere anche sulla pianificazione dei lavori di impianto degli abitati. Va però rilevata la notevole distanza dal punto di vista dei livelli di complessità che intercorre fra gli insediamenti retici e centri a carattere urbano sviluppatisi nel corso del VI secolo a.C. nelle zone di pianura abitate da Veneti ed Etruschi, come ad esempio nel caso di Este, Padova, Bologna e Marzabotto. F.M.

Bibliografia

F. Marzatico, La prima età del Ferro, e La seconda età del Ferro, in M. Lanzinger - F. Marzatico - A. Pedrotti (edd), La preistoria e la protostoria (Storia del Trentino, I), Bologna 2001, pp. 417-478, e 479-573; dello stesso autore, Aspetti del paesaggio insediativo in Trentino fra l’età del Bronzo e l’età del Ferro / Höhensiedlungen der Bronze-und Eisenzeit. Kontrolle der Verbindugswege über die Alpen, in L. Dal Ri - P. Gamper - H. Steiner (edd), Abitati dell’età del Bronzo e del Ferro. Controllo delle vie di comunicazione attraverso le Alpi (Forschungen zur Denkmalpflege in Südtirol / Beni Culturali in Alto Adige – Studi e ricerche, VI), Trento 2010, pp. 277-289.

Invia un contributo

Registrazione

Per inviare un contributo:

  • se sei già registrato, accedi tramite il login qui sotto
  • se non sei registrato, crea un nuovo account per registrarti.